Castello a Pino d’Asti

  • Drone1
  • pinodasti_s.gazzola-63
  • pinodasti_s.gazzola22
  • pinodasti_s.gazzola-84
  • pinodasti_s_gazzola-22
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • pinodasti_s.gazzola-6
  • pinodasti_s_gazzola-58
  • pinodasti_s.gazzola11
  • pinodasti_s.gazzola-44
  • pinodasti_s.gazzola-17
  • pinodasti_s.gazzola13
  • pinodasti_s.gazzola10
  • pinodasti_DSC_8436
  • pinodasti_DSC_8428
  • pinodasti_s.gazzola3
  • pinodasti_DSC_8425
  • pinodasti_s.gazzola-86
  • pinodasti_s.gazzola8c
  • pinodasti_s.gazzola7
  • pinodasti_s.gazzola-88
  • pinodasti_s.gazzola5
  • pinodasti_s.gazzola-62
  • pinodasti_s.gazzola-41
  • pinodasti_s.gazzola-29
  • pinodasti_s.gazzola18
  • pinodasti_s.gazzola-20
  • pinodasti_s.gazzola15
  • pinodasti_drone_drone4
  • pinodasti_drone_drone2
  • pinodasti_drone_4
  • pinodasti_s.gazzola-47
  • pinodasti_s.gazzola-61
  • pinodasti_s.gazzola-14
  • pinodasti_s.gazzola-28
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Castello a Pino d’Asti
14020 Pino D'Asti AT, Italy
Vendita - Palazzo storico
2400 sqm 18 Camere da letto 11 Bagni 1126 Anno di costruzione 10000 sqm

Le origini del Castello di Pino, come si desume da alcuni documenti e dai fregi esterni risalgono al primo Medioevo (1126). Da ogni lato del Castello, che sorge sulla sommità della collina, la vista si estende a perdita d’occhio in una delle aree meglio conservate della regione, un vero e proprio cuore verde e antico del Piemonte.

​Il Castello si compone di due ali: la prima risalente al XIII-XIV secolo e successivamente ristrutturata, e la seconda, edificata all’inizio del XVII secolo, con il tradizionale colore rosa delle facciate dell’epoca. Attualmente sotto la Tutela delle Belle Arti, ha un significativo valore storico e architettonico, è circondato dal proprio parco e, tutto intorno, da un suggestivo intreccio di colline e vallate.

Composizione
Le due ali del Castello sono state tradizionalmente divise da più secoli e sono state ricomposte dall’attuale proprietà. È divisibile in quattro grandi abitazioni del tutto autonome: le due ali, la parte attualmente abitata dai custodi, indipendente anche in termini di impianto di riscaldamento e una casetta Zen all’interno del parco. Il Castello è interamente arredato con mobili, prevalentemente d’epoca, di pregevole fattura.

Complessivamente vi sono:
18 camere da letto
7 saloni (molte di queste affrescate)
4 sala da pranzo
3 cucine
11 bagni
1 cappella consacrata
2 studi
1 library
4 grandi terrazze
2 garage coperti​
​3 grandi locali ammezzato tipo taverna
Numerose cantinette per lo stoccaggio del vino
Grandi cantine
Diversi porticati

Tutto il Castello è perfettamente riscaldato e dotato di impianti di sicurezza. Particolarmente bello il grande parco-giardino il cui layout è dovuto al grande botanico Conte Freylino che abitò il Castello nella seconda metà del Settecento. All’interno del giardino vi è una casetta in stile giapponese Zen con 2 grandi verande interamente a vetri, 2 saloni, camera da letto, stanza di purificazione e piccolo tempio buddista.

La Posizione
Si colloca a metà strada tra Asti e Torino: intorno ai 30 km da entrambe. A 5 km, in linea d’aria, il Santuario di Don Bosco, la casa madre dei Salesiani e, a 3 km ad ovest (walking distance), l’Abbazia di Vezzolano, un’Abbazia romanica del Mille, forse la più bella e suggestiva di tutto il Piemonte, un vero gioiello straordinariamente conservato. Il Castello confina con il più ampio appezzamento boschivo di tutta la Provincia di Asti.
Il Castello si trova sulla sommità di una collina del Monferrato, tutto intorno un piccolo paese che conta circa 300 abitanti. Lontano dalla concitazione sociale, in un’atmosfera di assoluta pace e tranquillit. L’edificio gode della luce del sole dall’alba al tramonto. Dal Castello la vista – a 360 gradi – è davvero spettacolare: è tutto un succedersi di altre colline con vigneti, boschi, armonici paeselli, altri Castelli e le Alpi all’orizzonte. Il silenzio è assoluto, rotto solo dal suono delle campane all’alba e al tramonto. Il paesaggio è fatto di colline dolci, arrotondate, solcate dall’armonico geometrismo dei filari di vite. È un brano del Monferrato ancora miracolosamente intatto sia da un punto di vista edilizio-abitativo che per la presenza di un patrimonio flora-faunistico di grande pregio.

Mappa

Proprietà Simili